Melegnanese – Accademia Sandonatese

CAMPIONATO DI PROMOZIONE

GIRONE F-QUIDICESIMA GIORNATA GIRONE DI ANDATA(13 GENNAIO 2012)

MELEGNANO CALCIO-ACCADEMIA SANDONATESE 1-1

 MELEGNANO CALCIO:Bombelli;Camardo;Vaiani;Maraschi S.;Barbazza(84’ Maraschi M.);Famiglietti;Cecchetti;Albamonte;Morandi;Zanon(46’ Viviani);Canevari(37’ Montingelli).All.Longinotti.

ACCADEMIA SANDONATESE:Oliva;De Nigris;Schipilliti;Giove;Pastore;Logrieco;Gaseni(60’ Basilicata);Radaelli;Sferlazzo(70’ Costanzo);Cotica;Zegarra.All.Zanotta.

AMMONITI:Schipilliti,Pastore,Giove,Cotica(A);Vaiani,Maraschi,Famiglietti,Albamonte(M).

MARCATORI:5’ Cotica(A);38’ Morandi(M).

ARBITRO:Sig. MAzzucca di Milano.

I nostri ragazzi chiudono in testa a braccetto col Fanfulla il girone d’andata,impattando sul terreno di Melegnano dopo una gara piuttosto sofferta.

Il bilancio di questa prima parte di stagione non può che essere positivo,alla luce delle convincenti prestazioni fin qui fornite e tenuto conto della nostra giovane età’;meta’ del percorso e’ fatto e come lo scorso anno siamo gli unici padroni del nostro destino.

Vista la vicinanza del campo da San Donato e allo scopo di bruciare un po’ dei grassi accumulati tra un cotechino e l’altro,due dei nostri tifosi più’ rappresentativi decidono di raggiungere Melegnano con mezzi alternativi:Peppone Calzati e il grande Ruffinoni si danno cosi’appuntamento al parcheggio del Billa alle ore 12,00 e incuranti del freddo,decidono di sfidarsi in un testa a testa in bicicletta con arrivo concordato al parcheggio del campo.

Il primo si presenta con la sua Graziella rossa fiammante,il secondo con un prototipo di ultima generazione di bici da corsa,appena testata in galleria del vento.

I vigili di San Donato accorrono a dare man forte per assicurare che non ci siano irregolarità’ in fase di partenza e danno il via.

Mister Zanotta,ignaro del tutto,parte un quarto all’una da casa con la sua BMW e all’altezza del ristorante La Rampina nota strani movimenti sulla corsia di emergenza.

Giunto sul posto vede Peppone e Ruffi che se le stanno suonando di santa ragione e chiede immediate spiegazioni:sembra che Ruffinoni,in grave difficolta’ nel tenere il passo del possente Giuseppe,abbia approfittato di un suo momento di distrazione per farsi trainare dal pullman di linea e superato il rivale si sia voltato per sbeffeggiarlo.

Peppone si alza sui pedali e raggiunge il contendente sul lungo rettilineo e una volta affiancato ne provoca la caduta sul manto stradale:ne nasce un accceso alterco che sfocia in rissa con Giuseppe che,stracolmo di fatica e consapevole del raggiro subito,tenta lo strangolamento dell’amico..

Dopo una lunga lotta  sul ciglio del Redefossi si sfiora la tragedia e solo grazie ad un lavoro di diplomazia di Mister Zanotta viene ristabilita la pace..

Sotterrata l’ascia di guerra e sanguinanti i due abbandonano le bici in corsia di emergenza e raggiungono il campo con l’auto presidenziale.

La gara di Melegnano si presenta piena di insidie,sia perché’ con la prima della classe tutti buttano il cuore oltre l’ostacolo,sia perché’ andiamo a giocare su un campo dove abbiamo sempre raccolto poco.

La prima mezz’ora tuttavia è’ una goduria per gli occhi:i biancoazzurri sono assoluti padroni del gioco e mettono i locali alle corde.

Dopo soli cinque minuti il talentoso Gaseni brucia il diretto avversario,va via sulla sinistra e dal fondo mette in mezzo un rasoterra che l’accorente Cotica prima raccoglie e poi infila alle spalle di Bombelli.

Al 13′ Zagarra penetra in posizione centrale e serve un assist per Manu Sferlazzo,che tuttavia conclude a lato da posizione defilata.

Dopo una clamorosa occasione fallita dal Cobra,che si allunga troppo il pallone mentre si sta involando verso la porta avversaria,i locali cominciano a prendere le misure e al minuto 30 Canevari sfiora il gol con un rasoterra che finisce a lato alla destraa di Oliva.

Al 38′ la doccia fredda arriva da un corner sul lato destro sugli sviluppi del quale Morandi colpisce di testa indisturbato e trafigge l’incolpevole,portiere biancoazzurro.

Nella seconda frazione di gioco i padroni di casa salgono di tono e i nostri accusano forse un po’ di stanchezza,non riuscendo a dare più’ fluidita’alla manovra.

Al 57′ Oliva compie due autentici miracoli,prima volando sulla destra a deviare una sforbiciata da distanza ravvicinata di Viviani e poi, sulla ribattuta,neutralizzando il tiro a botta sicura del sempre pericoloso Morandi.

Mister Zanotta butta nella mischia Basilicata e Costanzo al posto di Gaseni e Manu Sferlazzo,nel tentativo di scardinare la difesa avversaria ma di fatto non riusciamo a creare pericoli degni di nota.

È’ invece la Melegnanese che si fa pericolosa sul finale sfiorando il goal in un paio di occasioni ma i nostri riescono a tenere botta.

Pari tutto sommato giusto,che ci permette di chiudere il girone di andata lassù’ e di mantenere l’imbattibilita’ in trasferta,con la consapevolezza che ogni partita sarà’ dura per noi ma anche e soprattutto per gli altri e con la convinzione personale che fino ad ora non ci sia stato nessuno migliore di noi.

Si riparte per il giro di boa,col Tribiano che ci aspetta e saremo certamente pronti all’appuntamento.

Al ritorno in quel di San Donato il mister accompagna il Peppone e il Ruffi a riprendersi le bici ma per Giuseppe c’e’ la beffa finale:gli hanno rubato il sellino.

Costretto a raggiungere casa costantemente sui pedali alza bandiera bianca e cerca conforto nel fratello Alberto:gli invia una mail dal suo Ipad supplicandolo di raggiungerlo alle Cupole e di caricarlo in macchina ma essendo lo stesso impegnato nella visione della finale del campionato di Cricket su Sky Sport 3,lo lascia al suo destino.

 

Forza ragazzi!

 

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna stampa Prima Squadra 2012/2013. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Melegnanese – Accademia Sandonatese

  1. stefano scrive:

    Per prima cosa auguri a tutti e complimenti per questo primo traguardo raggiunto, “Primi” (anche se a parimerito) alla fine del girone d’andata.
    Concordo con Luca sulla convinzione che nessuna compagine si e’ dimostrata migliore della nostra e che solo noi potremmo metterci in difficolta’ anche se confido in un gruppo che reputo sempre piu’ valido.
    Per piu’ di 20 min. ho rivisto la squadra che mi aveva stupito alla prima uscita di settembre; un altro livello , piacevole da vedere e solida in ogni reparto.
    Poi le gambe hanno ceduto, con loro un po’ di affanno alla testa e il pari ci sta quasi bene.
    Se devo dirla tutta gia’ in allenamento qualche ragazzo si vedeva che non aveva ancora tutti i 90′; forse una gestione diversa dei cambi avrebbe potuto farci soffrire meno nella seconda parte del match.
    Un plauso a Ruben per (anche se poche) le bellissime e essenziali parate, a Alessandro in forma strepitosa e ognipresente ma soprattutto a Francesco , non per il gol , ma per un recupero fatto da una parte all’altra del campo accortosi di essere scoperti su una ripartenza : e’ solo con questo spirito di squadra che vi potrete togliere numerose soddisfazioni.

    Bravi ragazzi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>